Cascate dell'Iguazú

Le cascate dell'Iguazú

Storia e Turismo delle cascate dell'Iguazú

Patrimonio dell'Unesco, le Cascate dell'Iguazú sono probabilmente una delle cose più grandiosi e spettacolari che la natura potesse regalarci.
Situate al confine tra Argentina e Brasile, le Cascate dell'Iguazù sono un sistema di 275 cascate con altezze fino a 70 metri e si sviluppa per oltre 2,7 kilometri del fiume Iguazú.
Da lato argentino si trova La Garganta del Diablo (la Gola del diavolo) la più imponente fra tutte e forma una U profonda 150 metri e lunga 700 metri.
Inutile dire che i visitatori che provengono da tutto il mondo sono migliaia ogni anno.
Ma l'attrazione naturale non è dovuta solo alla spettacolarizzazione di queste imponenti masse d'acqua che cadono rovinosamente creando immense nubi di vapore e acqua, ma anche dall'immensità dei parchi che lambiscono il lungo tratto che compone il sistema delle cascate dell'Ignazù e dall'incredibile natura che nasce e si sviluppa florida sulel sue sponde.
(bellissimo i video delle cascate disponibili nel proseguo del post).
L'intero comprensorio si sviluppa per oltre 185 mila ettari di natura selvaggia, praterie e foreste incontamninate.
Luogo assolutamente imperdibile per chi cerca forti emozioni, paradiso per tutti i fotografi del mondo, chi avrà mai la possibilità di recarsi alle Cascate dell'Iguazù non potrà perdere il Macuco Safari, una serie di imbarcazioni guidate da professionisti che vi condurranno fino sotto all'acqua, in prossimità dell'impatto zero.
Un impressionante avventura dove nessuno esce incolume sia nel cuore che nel fisico.
Sono fortemente sconsigliati vestiari di pregio e apparecchi elettronici. Tutto sarà rigorosamente bagnato. Nulla sarà salvo.
La maggioranza delle cascate sono nel territorio argentino, ma dal lato brasiliano (600 metri) si ottiene una visione più panoramica della Garganta del Diablo.
Le cascate sono condivise dal Parco nazionale dell'Iguazú (Argentina) e dal Parco nazionale dell'Iguaçu (Brasile). Questi parchi sono stati designati dall'UNESCO patrimonio dell'umanità nel 1984 e 1986 rispettivamente.
Il nome Iguazú viene dalle parole guaraní (acque) e guasu (grandi).
Una leggenda guaraní dice che un dio pretendeva sposare una bellissima ragazza chiamata Naipú, che però scappò con il suo amante mortale Carobain canoa. Arrabbiato, il dio modificò il fiume creando le cascate, nelle quali Naipù cadde trasformandosi in roccia, mentre Caroba si trasformò in albero.
Sempre secondo la leggenda, da allora e da quella posizione i due amanti continuano ad osservarsi.
Vicino alla cascata, a ciascun lato, ci sono due importanti città: la brasiliana Foz do Iguaçu, situata nello stato brasiliano del Paraná, e Puerto Iguazú, situata nella provincia Argentina di Misiones.
Altre importanti attrazioni turistiche vicino alle cascate sono la centrale idroelettrica di Itaipu, e la missioni gesuite guaraní in Paraguay, Argentina, e Brasile.

cascate dell'Iguazú

BACK

©2012 - ARA San Marino
Strada dell'Assenzio
47899 - Serravalle - RSM

Tel. Presidente 337.1010988
arasanmarino@gmail.com

COE SM 22373